Sei in: 

Sistema Informativo regionale sull'Efficienza Energetica della Regione Toscana

In attuazione dell'art. 23 ter della L.R. 39/2005 e s.m.i. la Regione istituisce il sistema informativo regionale sull'efficienza e sulla certificazione energetica degli edifici e dei relativi impianti denominato "sistema informativo regionale sull'efficienza energetica" (SIERT) che comprende l'archivio informatico degli attestati di prestazione energetica, gli elenchi dei soggetti certificatori e degli ispettori degli impianti termici nonché il catasto degli impianti di climatizzazione.

L'attestazione della prestazione energetica degli immobili e i controlli di efficienza degli impianti termici sono due attività previste dalle norme con le quali viene perseguito il mantenimento e l'incremento dell'efficienza energetica dei nostri immobili e dei loro impianti di climatizzazione.
Vedi "Regione Toscana - Certificazione Energetica" e "Regione Toscana - Controlli sugli impianti termici".

Ai sensi dell'art. 3 comma 1 bis della L.R. 39/2005 a decorrere dalla data del 01/01/2019 la Regione Toscana si avvale dell'Agenzia Regionale Recupero Risorse (ARRR) S.p.A. per la gestione del SIERT nonchè per le seguenti attività:

a) effettuare i controlli necessari all'osservanza degli obblighi, relativi al contenimento dei consumi di energia nell'esercizio e manutenzione degli impianti di climatizzazione;

b) esercitare l'attività di vigilanza sugli attestati di prestazione energetica rilasciati dai soggetti competenti;

Secondo l'art. 23 quater con gli strumenti previsti dalle disposizioni regionali in materia di amministrazione elettronica e semplificazione, la Regione assicura l'accesso: ai proprietari degli immobili i cui dati di efficienza energetica siano stati trasmessi al sistema informativo, ai soggetti certificatori di cui all'articolo 22 bis, ai manutentori degli impianti termici, agli organismi ispettori di cui all'articolo 22 bis, ai notai per l'esercizio delle loro funzioni relative al trasferimento della proprietàdi immobili, ai comuni e alle unioni dei comuni.

Il sistema informativo è suddiviso in due applicativi:
  • il CIT (Catasto Impianti Termici), dedicato ai controlli di efficienza energetica degli impianti termici, di climatizzazione invernale e/o estiva - clicca qui per visualizzare i territori in cui il CIT è attivo;

  • il APE (Sistema Informativo Certificazione Energetica) dedicato alla produzione degli APE - attestati di prestazione energetica - che misurano le performance energetiche degli immobili.



N° Impianti accatastati
Calcolo...
N° RCEE inseriti
Calcolo...
N° Manutentori accreditati
Calcolo...

N° Unità Catastali censite
Calcolo...
N° APE inseriti
Calcolo...
N° Certificatori accreditati
Calcolo...
 
 

18/02/2021
Regione Toscana ha avviato un'indagine esplorativa sull'uso di legna, pellet e simili per il riscaldamento in ambito residenziale e la cottura di cibi, con lo scopo di conoscere gli stili di vita dei cittadini toscani, al fine di ottimizzare gli interventi mirati a contenere gli sprechi energetici e ad indirizzare gli usi verso forme poco impattanti sotto il profilo ambientale.

In particolare, l’indagine mira a raccogliere informazioni sul consumo di legna e biomasse legnose, sulle fonti approvvigionamento, sulle modalità di utilizzo degli apparecchi ad uso domestico (frequenza, modalità di accensione, accatastamento e aspetti manutentivi) e sulla propensione all'acquisto di strumenti a maggiore efficienza e minore impatto ambientale a fronte della disponibilità di incentivi alla sostituzione di quelli più obsoleti.

L'indagine esplorativa sarĂ  attiva fino a fine marzo 2021 e contribuirĂ  anche ad acquisire elementi per migliorare le politiche regionali in materia di efficientamento energetico e miglioramento ambientale.

L'indagine è promossa da Regione Toscana - Settore Servizi Pubblici locali, energia e inquinamenti e curata dal Settore Sistemi informativi e tecnologie della conoscenza. Ufficio regionale di statistica.

Per contribuire all’indagine, si prega di rispondere al questionario anonimo online sul sito della Regione, alla pagina http://www303.regione.toscana.it/ls3/index.php/829895?lang=it




15/02/2021
Si comunica che questa Agenzia, per rispondere alle sollecitazioni ricevute nei mesi scorsi, sta predisponendo dei corsi gratuiti di aggiornamento sull'uso del Siert e sulle FAQ piĂą ricorrenti, oltre ad una sintesi degli sviluppi normativi intervenuti in questo biennio.
L'iniziativa, in collaborazione con CNA e CONFARTIGIANATO, è riservata ai centri assistenza registrati alla piattaforma regionale SIERT.

La programmazione della giornata di aggiornamento (una sessione da 2 ore e 30"), che avverrĂ  on line per rispettare le misure di contenimento del Covid, al fine di raggiungere tutti gli iscritti al CIT (Catasto Impianti Termici) si articolerĂ  in una prima fase riservata alle ditte associate alle due rappresentanze di categoria (CNA e CONFARTIGIANATO) e in una seconda nella quale saranno coinvolte tutte le altre.

La modalitĂ  di offerta dell'aggiornamento (on line) non ci consente, infatti, di somministrare il corso a tutte le ditte in breve tempo, come sarebbe accaduto in presenza. Pertanto abbiamo approntato un calendario che ci consentirĂ  da qui a maggio di raggiungere tutti gli iscritti al CIT.


31/12/2020
L’assessora all’ambiente e all’aconomia circolare Monia Monni ha presentato il nuovo pacchetto di misure regionali per il rinnovo degli impianti termici contenuto all’interno del collegato alla Finanziaria.
Si tratta di due fondi da 1 milione di euro all'anno ciascuno che andranno a sostenere le politiche sulla qualità dell’aria che la Regione sta portando avanti su tutto il territorio toscano.
Su proposta dell’assessora Monni è stato, infatti, creato un fondo di 1 milione di euro all’anno destinato a contributi a favore dei cittadini meno abbienti e finalizzato alla sostituzione delle vecchie caldaie con impianti moderni e quindi più efficienti, meno inquinanti e più sicuri. La misura ha doppia valenza, ambientale e sociale: da un lato permette di avere impianti meno inquinanti, considerando che gli impianti di riscaldamento sono responsabili di circa il 50% dell’inquinamento delle grandi città; dall’altro, consente di andare incontro a una fascia di popolazione il cui basso reddito preclude anche la possibilità di accedere ad altre forme di incentivo.
Lo stesso articolo della Finanziaria prevede anche un sostegno, sempre di 1 milione di euro all’anno, a favore dei Comuni che si trovano ad affrontare particolare criticità in termini di qualità dell’aria ed in particolare per quelle aree che sono state oggetto di infrazione comunitaria.
Infine, in considerazione della particolare situazione legata alla pandemia da Covid-19 in corso, è stata posticipata per tutti coloro che ancora non avessero adempiuto la scadenza inerente gli interventi di efficienza energetica sulle caldaie (manutenzione e prova dei fumi) e quindi il conseguente pagamento del relativo “bollino” dal 31 dicembre 2020 al 31 marzo 2021.
Restano improcrastinabili invece gli interventi eventualmente necessari ad eliminare situazioni di pericolo sull'impianto. Una misura motivata anche da ragioni di sicurezza per i cittadini e gli operatori e che la Regione Toscana si riserva di prorogare ulteriormente nel caso in cui si dovesse protrarre lo stato di emergenza sanitaria.
"Si tratta di misure che rientrano nel percorso già avviato dalla Regione da anni per intervenire sulla qualità dell'aria che respiriamo, tematica di estrema attualità, che adesso stiamo rafforzando grazie anche al prezioso contributo di ARRR – ha detto l’assessora Monia Monni – Sono azioni che mettiamo in campo per intervenire sulle riduzioni delle polveri sottili delle PM10 che riguardano il sistema di riscaldamenti domestici e non solo".


29/12/2020
A seguito della Delibera di Giunta di Regione Toscana n. 1500 del 30.11.2020, è possibile posticipare il controllo di efficienza energetica con bollino fino al 31.3.2021 per tutti coloro che, obbligati al 31.12.2020, non avessero ancora adempiuto.

In questo caso, il tecnico incaricato segnalerà nel rapporto di controllo di efficienza energetica (rilasciato in copia al cliente) che l'intervento è stato fatto in proroga, specificando al contempo le prossime scadenze da rispettare in merito a manutenzione e successivo bollino.

A tal proposito, si ricorda che nel caso di controllo fatto in proroga, le scadenze del bollino non slitteranno. Ovvero, per coloro che dovevano effettuare nel 2020 il controllo di efficienza energetica (posticipato nel primo trimestre del 2021), il successivo intervento dovrĂ  comunque essere programmato nel 2022 (nel caso ad esempio di caldaia a gas con potenza inferiore a 100 kW e con etĂ  superiore a 4 anni). Ferme restando le manutenzioni nell'anno intermedio, anch'esse da specificarsi a cura del tecnico incaricato.

I manutentori potranno applicare sul rapporto di controllo i bollini acquistati mediante procedura nel SIERT, senza alcun vincolo temporale: potranno utilizzarsi cioè i bollini acquistati sia nel 2020 che nel 2021. Il rapporto di controllo dovrà riportare la data di effettiva esecuzione dello stesso, con l'indicazione della proroga usufruita dal cliente da riportare nelle osservazioni. Resta sempre fissato entro i 60 giorni successivi il termine di inserimento del rapporto nel SIERT.


22/12/2020
Regione Toscana e A.R.R.R. S.p.A. (Agenzia Regionale Recupero Risorse S.p.A.) invitano tutti a prestare la massima attenzione ad una nuova mail di phishing che utilizza i nostri indirizzi di posta elettronica (@siert.regione.toscana.it e @arrr.it) per ingannare il destinatario del messaggio e indurlo ad aprire un file allegato .zip (o altri formati) contenente un agente virale. 

L’oggetto dell’email, come il nome dell’allegato, può variare, per cui si invita a diffidare di tali comunicazioni, ignorando mail di cui non è possibile accertare l’origine (soprattutto quando richiedono l’apertura di un allegato o il click su un link) e a non aprire allegati della cui provenienza non si è certi.